lkml.org 
[lkml]   [2019]   [Jan]   [21]   [last100]   RSS Feed
Views: [wrap][no wrap]   [headers]  [forward] 
 
Messages in this thread
Patch in this message
/
From
Subject[PATCH V2] doc:it_IT: add translations in process/
Date
This patch adds the Italian translation for the following documents
in Documentation/process:

- applying-patches
- submit-checklist
- submitting-drivers
- changes
- stable api nonsense

Signed-off-by: Federico Vaga <federico.vaga@vaga.pv.it>
---
.../translations/it_IT/doc-guide/sphinx.rst | 2 +
.../it_IT/process/applying-patches.rst | 12 +-
.../translations/it_IT/process/changes.rst | 487 +++++++++++++++++-
.../it_IT/process/stable-api-nonsense.rst | 202 +++++++-
.../it_IT/process/submit-checklist.rst | 127 ++++-
.../it_IT/process/submitting-drivers.rst | 8 +-
6 files changed, 822 insertions(+), 16 deletions(-)

diff --git a/Documentation/translations/it_IT/doc-guide/sphinx.rst b/Documentation/translations/it_IT/doc-guide/sphinx.rst
index 474b7e127893..793b5cc33403 100644
--- a/Documentation/translations/it_IT/doc-guide/sphinx.rst
+++ b/Documentation/translations/it_IT/doc-guide/sphinx.rst
@@ -3,6 +3,8 @@
.. note:: Per leggere la documentazione originale in inglese:
:ref:`Documentation/doc-guide/index.rst <doc_guide>`

+.. _it_sphinxdoc:
+
Introduzione
============

diff --git a/Documentation/translations/it_IT/process/applying-patches.rst b/Documentation/translations/it_IT/process/applying-patches.rst
index f5e9c7d0b16d..1d30e5cd2a3d 100644
--- a/Documentation/translations/it_IT/process/applying-patches.rst
+++ b/Documentation/translations/it_IT/process/applying-patches.rst
@@ -1,13 +1,15 @@
.. include:: ../disclaimer-ita.rst

:Original: :ref:`Documentation/process/applying-patches.rst <applying_patches>`
-
+:Translator: Federico Vaga <federico.vaga@vaga.pv.it>

.. _it_applying_patches:

-Applicare modifiche al kernel Linux
-===================================
+Applicare patch al kernel Linux
++++++++++++++++++++++++++++++++

-.. warning::
+.. note::

- TODO ancora da tradurre
+ Questo documento è obsoleto. Nella maggior parte dei casi, piuttosto
+ che usare ``patch`` manualmente, vorrete usare Git. Per questo motivo
+ il documento non verrà tradotto.
diff --git a/Documentation/translations/it_IT/process/changes.rst b/Documentation/translations/it_IT/process/changes.rst
index 956cf95a1214..d0874327f301 100644
--- a/Documentation/translations/it_IT/process/changes.rst
+++ b/Documentation/translations/it_IT/process/changes.rst
@@ -1,12 +1,495 @@
.. include:: ../disclaimer-ita.rst

:Original: :ref:`Documentation/process/changes.rst <changes>`
+:Translator: Federico Vaga <federico.vaga@vaga.pv.it>

.. _it_changes:

Requisiti minimi per compilare il kernel
++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++

-.. warning::
+Introduzione
+============

- TODO ancora da tradurre
+Questo documento fornisce una lista dei software necessari per eseguire i
+kernel 4.x.
+
+Questo documento è basato sul file "Changes" del kernel 2.0.x e quindi le
+persone che lo scrissero meritano credito (Jared Mauch, Axel Boldt,
+Alessandro Sigala, e tanti altri nella rete).
+
+Requisiti minimi correnti
+*************************
+
+Prima di pensare d'avere trovato un baco, aggiornate i seguenti programmi
+**almeno** alla versione indicata! Se non siete certi della versione che state
+usando, il comando indicato dovrebbe dirvelo.
+
+Questa lista presume che abbiate già un kernel Linux funzionante. In aggiunta,
+non tutti gli strumenti sono necessari ovunque; ovviamente, se non avete un
+modem ISDN, per esempio, probabilmente non dovreste preoccuparvi di
+isdn4k-utils.
+
+====================== ================= ========================================
+ Programma Versione minima Comando per verificare la versione
+====================== ================= ========================================
+GNU C 4.6 gcc --version
+GNU make 3.81 make --version
+binutils 2.20 ld -v
+flex 2.5.35 flex --version
+bison 2.0 bison --version
+util-linux 2.10o fdformat --version
+kmod 13 depmod -V
+e2fsprogs 1.41.4 e2fsck -V
+jfsutils 1.1.3 fsck.jfs -V
+reiserfsprogs 3.6.3 reiserfsck -V
+xfsprogs 2.6.0 xfs_db -V
+squashfs-tools 4.0 mksquashfs -version
+btrfs-progs 0.18 btrfsck
+pcmciautils 004 pccardctl -V
+quota-tools 3.09 quota -V
+PPP 2.4.0 pppd --version
+isdn4k-utils 3.1pre1 isdnctrl 2>&1|grep version
+nfs-utils 1.0.5 showmount --version
+procps 3.2.0 ps --version
+oprofile 0.9 oprofiled --version
+udev 081 udevd --version
+grub 0.93 grub --version || grub-install --version
+mcelog 0.6 mcelog --version
+iptables 1.4.2 iptables -V
+openssl & libcrypto 1.0.0 openssl version
+bc 1.06.95 bc --version
+Sphinx\ [#f1]_ 1.3 sphinx-build --version
+====================== ================= ========================================
+
+.. [#f1] Sphinx è necessario solo per produrre la documentazione del Kernel
+
+Compilazione del kernel
+***********************
+
+GCC
+---
+
+La versione necessaria di gcc potrebbe variare a seconda del tipo di CPU nel
+vostro calcolatore.
+
+Make
+----
+
+Per compilare il kernel vi servirà GNU make 3.81 o successivo.
+
+Binutils
+--------
+
+Il sistema di compilazione, dalla versione 4.13, per la produzione dei passi
+intermedi, si è convertito all'uso di *thin archive* (`ar T`) piuttosto che
+all'uso del *linking* incrementale (`ld -r`). Questo richiede binutils 2.20 o
+successivo.
+
+pkg-config
+----------
+
+Il sistema di compilazione, dalla versione 4.18, richiede pkg-config per
+verificare l'esistenza degli strumenti kconfig e per determinare le
+impostazioni da usare in 'make {g,x}config'. Precedentemente pkg-config
+veniva usato ma non verificato o documentato.
+
+Flex
+----
+
+Dalla versione 4.16, il sistema di compilazione, durante l'esecuzione, genera
+un analizzatore lessicale. Questo richiede flex 2.5.35 o successivo.
+
+Bison
+-----
+
+Dalla versione 4.16, il sistema di compilazione, durante l'esecuzione, genera
+un parsificatore. Questo richiede bison 2.0 o successivo.
+
+Perl
+----
+
+Per compilare il kernel vi servirà perl 5 e i seguenti moduli ``Getopt::Long``,
+``Getopt::Std``, ``File::Basename``, e ``File::Find``.
+
+BC
+--
+
+Vi servirà bc per compilare i kernel dal 3.10 in poi.
+
+OpenSSL
+-------
+
+Il programma OpenSSL e la libreria crypto vengono usati per la firma dei moduli
+e la gestione dei certificati; sono usati per la creazione della chiave e
+la generazione della firma.
+
+Se la firma dei moduli è abilitata, allora vi servirà openssl per compilare il
+kernel 3.7 e successivi. Vi serviranno anche i pacchetti di sviluppo di
+openssl per compilare il kernel 4.3 o successivi.
+
+
+Strumenti di sistema
+********************
+
+Modifiche architetturali
+------------------------
+
+DevFS è stato reso obsoleto da udev
+(http://www.kernel.org/pub/linux/utils/kernel/hotplug/)
+
+Il supporto per UID a 32-bit è ora disponibile. Divertitevi!
+
+La documentazione delle funzioni in Linux è una fase di transizione
+verso una documentazione integrata nei sorgenti stessi usando dei commenti
+formattati in modo speciale e posizionati vicino alle funzioni che descrivono.
+Al fine di arricchire la documentazione, questi commenti possono essere
+combinati con i file ReST presenti in Documentation/; questi potranno
+poi essere convertiti in formato PostScript, HTML, LaTex, ePUB o PDF.
+Per convertire i documenti da ReST al formato che volete, avete bisogno di
+Sphinx.
+
+Util-linux
+----------
+
+Le versioni più recenti di util-linux: forniscono il supporto a ``fdisk`` per
+dischi di grandi dimensioni; supportano le nuove opzioni di mount; riconoscono
+più tipi di partizioni; hanno un fdformat che funziona con i kernel 2.4;
+e altre chicche. Probabilmente vorrete aggiornarlo.
+
+Ksymoops
+--------
+
+Se l'impensabile succede e il kernel va in oops, potrebbe servirvi lo strumento
+ksymoops per decodificarlo, ma nella maggior parte dei casi non vi servirà.
+Generalmente è preferibile compilare il kernel con l'opzione ``CONFIG_KALLSYMS``
+cosicché venga prodotto un output più leggibile che può essere usato così com'è
+(produce anche un output migliore di ksymoops). Se per qualche motivo il
+vostro kernel non è stato compilato con ``CONFIG_KALLSYMS`` e non avete modo di
+ricompilarlo e riprodurre l'oops con quell'opzione abilitata, allora potete
+usare ksymoops per decodificare l'oops.
+
+Mkinitrd
+--------
+
+I cambiamenti della struttura in ``/lib/modules`` necessita l'aggiornamento di
+mkinitrd.
+
+E2fsprogs
+---------
+
+L'ultima versione di ``e2fsprogs`` corregge diversi bachi in fsck e debugfs.
+Ovviamente, aggiornarlo è una buona idea.
+
+JFSutils
+--------
+
+Il pacchetto ``jfsutils`` contiene programmi per il file-system JFS.
+Sono disponibili i seguenti strumenti:
+
+- ``fsck.jfs`` - avvia la ripetizione del log delle transizioni, e verifica e
+ ripara una partizione formattata secondo JFS
+
+- ``mkfs.jfs`` - crea una partizione formattata secondo JFS
+
+- sono disponibili altri strumenti per il file-system.
+
+Reiserfsprogs
+-------------
+
+Il pacchetto reiserfsprogs dovrebbe essere usato con reiserfs-3.6.x (Linux
+kernel 2.4.x). Questo è un pacchetto combinato che contiene versioni
+funzionanti di ``mkreiserfs``, ``resize_reiserfs``, ``debugreiserfs`` e
+``reiserfsck``. Questi programmi funzionano sulle piattaforme i386 e alpha.
+
+Xfsprogs
+--------
+
+L'ultima versione di ``xfsprogs`` contiene, fra i tanti, i programmi
+``mkfs.xfs``, ``xfs_db`` e ``xfs_repair`` per il file-system XFS.
+Dipendono dell'architettura e qualsiasi versione dalla 2.0.0 in poi
+dovrebbe funzionare correttamente con la versione corrente del codice
+XFS nel kernel (sono raccomandate le versioni 2.6.0 o successive per via
+di importanti miglioramenti).
+
+PCMCIAutils
+-----------
+
+PCMCIAutils sostituisce ``pcmica-cs``. Serve ad impostare correttamente i
+connettori PCMCIA all'avvio del sistema e a caricare i moduli necessari per
+i dispositivi a 16-bit se il kernel è stato modularizzato e il sottosistema
+hotplug è in uso.
+
+Quota-tools
+-----------
+
+Il supporto per uid e gid a 32 bit richiedono l'uso della versione 2 del
+formato quota. La versione 3.07 e successive di quota-tools supportano
+questo formato. Usate la versione raccomandata nella lista qui sopra o una
+successiva.
+
+Micro codice per Intel IA32
+---------------------------
+
+Per poter aggiornare il micro codice per Intel IA32, è stato aggiunto un
+apposito driver; il driver è accessibile come un normale dispositivo a
+caratteri (misc). Se non state usando udev probabilmente sarà necessario
+eseguire i seguenti comandi come root prima di poterlo aggiornare::
+
+ mkdir /dev/cpu
+ mknod /dev/cpu/microcode c 10 184
+ chmod 0644 /dev/cpu/microcode
+
+Probabilmente, vorrete anche il programma microcode_ctl da usare con questo
+dispositivo.
+
+udev
+----
+
+``udev`` è un programma in spazio utente il cui scopo è quello di popolare
+dinamicamente la cartella ``/dev`` coi dispositivi effettivamente presenti.
+``udev`` sostituisce le funzionalità base di devfs, consentendo comunque
+nomi persistenti per i dispositivi.
+
+FUSE
+----
+
+Serve libfuse 2.4.0 o successiva. Il requisito minimo assoluto è 2.3.0 ma
+le opzioni di mount ``direct_io`` e ``kernel_cache`` non funzioneranno.
+
+
+Rete
+****
+
+Cambiamenti generali
+--------------------
+
+Se per quanto riguarda la configurazione di rete avete esigenze di un certo
+livello dovreste prendere in considerazione l'uso degli strumenti in ip-route2.
+
+Filtro dei pacchetti / NAT
+--------------------------
+
+Il codice per filtraggio dei pacchetti e il NAT fanno uso degli stessi
+strumenti come nelle versioni del kernel antecedenti la 2.4.x (iptables).
+Include ancora moduli di compatibilità per 2.2.x ipchains e 2.0.x ipdwadm.
+
+PPP
+---
+
+Il driver per PPP è stato ristrutturato per supportare collegamenti multipli e
+per funzionare su diversi livelli. Se usate PPP, aggiornate pppd almeno alla
+versione 2.4.0.
+
+Se non usate udev, dovete avere un file /dev/ppp che può essere creato da root
+col seguente comando::
+
+ mknod /dev/ppp c 108 0
+
+Isdn4k-utils
+------------
+
+Per via della modifica del campo per il numero di telefono, il pacchetto
+isdn4k-utils dev'essere ricompilato o (preferibilmente) aggiornato.
+
+NFS-utils
+---------
+
+Nei kernel più antichi (2.4 e precedenti), il server NFS doveva essere
+informato sui clienti ai quali si voleva fornire accesso via NFS. Questa
+informazione veniva passata al kernel quando un cliente montava un file-system
+mediante ``mountd``, oppure usando ``exportfs`` all'avvio del sistema.
+exportfs prende le informazioni circa i clienti attivi da ``/var/lib/nfs/rmtab``.
+
+Questo approccio è piuttosto delicato perché dipende dalla correttezza di
+rmtab, che non è facile da garantire, in particolare quando si cerca di
+implementare un *failover*. Anche quando il sistema funziona bene, ``rmtab``
+ha il problema di accumulare vecchie voci inutilizzate.
+
+Sui kernel più recenti il kernel ha la possibilità di informare mountd quando
+arriva una richiesta da una macchina sconosciuta, e mountd può dare al kernel
+le informazioni corrette per l'esportazione. Questo rimuove la dipendenza con
+``rmtab`` e significa che il kernel deve essere al corrente solo dei clienti
+attivi.
+
+Per attivare questa funzionalità, dovete eseguire il seguente comando prima di
+usare exportfs o mountd::
+
+ mount -t nfsd nfsd /proc/fs/nfsd
+
+Dove possibile, raccomandiamo di proteggere tutti i servizi NFS dall'accesso
+via internet mediante un firewall.
+
+mcelog
+------
+
+Quando ``CONFIG_x86_MCE`` è attivo, il programma mcelog processa e registra
+gli eventi *machine check*. Gli eventi *machine check* sono errori riportati
+dalla CPU. Incoraggiamo l'analisi di questi errori.
+
+
+Documentazione del kernel
+*************************
+
+Sphinx
+------
+
+Per i dettaglio sui requisiti di Sphinx, fate riferimento a :ref:`it_sphinx_install`
+in :ref:`Documentation/translations/it_IT/doc-guide/sphinx.rst <it_sphinxdoc>`
+
+Ottenere software aggiornato
+============================
+
+Compilazione del kernel
+***********************
+
+gcc
+---
+
+- <ftp://ftp.gnu.org/gnu/gcc/>
+
+Make
+----
+
+- <ftp://ftp.gnu.org/gnu/make/>
+
+Binutils
+--------
+
+- <https://www.kernel.org/pub/linux/devel/binutils/>
+
+Flex
+----
+
+- <https://github.com/westes/flex/releases>
+
+Bison
+-----
+
+- <ftp://ftp.gnu.org/gnu/bison/>
+
+OpenSSL
+-------
+
+- <https://www.openssl.org/>
+
+Strumenti di sistema
+********************
+
+Util-linux
+----------
+
+- <https://www.kernel.org/pub/linux/utils/util-linux/>
+
+Kmod
+----
+
+- <https://www.kernel.org/pub/linux/utils/kernel/kmod/>
+- <https://git.kernel.org/pub/scm/utils/kernel/kmod/kmod.git>
+
+Ksymoops
+--------
+
+- <https://www.kernel.org/pub/linux/utils/kernel/ksymoops/v2.4/>
+
+Mkinitrd
+--------
+
+- <https://code.launchpad.net/initrd-tools/main>
+
+E2fsprogs
+---------
+
+- <http://prdownloads.sourceforge.net/e2fsprogs/e2fsprogs-1.29.tar.gz>
+
+JFSutils
+--------
+
+- <http://jfs.sourceforge.net/>
+
+Reiserfsprogs
+-------------
+
+- <http://www.kernel.org/pub/linux/utils/fs/reiserfs/>
+
+Xfsprogs
+--------
+
+- <ftp://oss.sgi.com/projects/xfs/>
+
+Pcmciautils
+-----------
+
+- <https://www.kernel.org/pub/linux/utils/kernel/pcmcia/>
+
+Quota-tools
+-----------
+
+- <http://sourceforge.net/projects/linuxquota/>
+
+
+Microcodice Intel P6
+--------------------
+
+- <https://downloadcenter.intel.com/>
+
+udev
+----
+
+- <http://www.freedesktop.org/software/systemd/man/udev.html>
+
+FUSE
+----
+
+- <https://github.com/libfuse/libfuse/releases>
+
+mcelog
+------
+
+- <http://www.mcelog.org/>
+
+Rete
+****
+
+PPP
+---
+
+- <ftp://ftp.samba.org/pub/ppp/>
+
+Isdn4k-utils
+------------
+
+- <ftp://ftp.isdn4linux.de/pub/isdn4linux/utils/>
+
+NFS-utils
+---------
+
+- <http://sourceforge.net/project/showfiles.php?group_id=14>
+
+Iptables
+--------
+
+- <http://www.iptables.org/downloads.html>
+
+Ip-route2
+---------
+
+- <https://www.kernel.org/pub/linux/utils/net/iproute2/>
+
+OProfile
+--------
+
+- <http://oprofile.sf.net/download/>
+
+NFS-Utils
+---------
+
+- <http://nfs.sourceforge.net/>
+
+Documentazione del kernel
+*************************
+
+Sphinx
+------
+
+- <http://www.sphinx-doc.org/>
diff --git a/Documentation/translations/it_IT/process/stable-api-nonsense.rst b/Documentation/translations/it_IT/process/stable-api-nonsense.rst
index d4fa4abf8dd3..f966962a674b 100644
--- a/Documentation/translations/it_IT/process/stable-api-nonsense.rst
+++ b/Documentation/translations/it_IT/process/stable-api-nonsense.rst
@@ -1,13 +1,209 @@
.. include:: ../disclaimer-ita.rst

:Original: :ref:`Documentation/process/stable-api-nonsense.rst <stable_api_nonsense>`
-
+:Translator: Federico Vaga <federico.vaga@vaga.pv.it>

.. _it_stable_api_nonsense:

L'interfaccia dei driver per il kernel Linux
============================================

-.. warning::
+(tutte le risposte alle vostre domande e altro)
+
+Greg Kroah-Hartman <greg@kroah.com>
+
+Questo è stato scritto per cercare di spiegare perché Linux **non ha
+un'interfaccia binaria, e non ha nemmeno un'interfaccia stabile**.
+
+.. note::
+
+ Questo articolo parla di interfacce **interne al kernel**, non delle
+ interfacce verso lo spazio utente.
+
+ L'interfaccia del kernel verso lo spazio utente è quella usata dai
+ programmi, ovvero le chiamate di sistema. Queste interfacce sono **molto**
+ stabili nel tempo e non verranno modificate. Ho vecchi programmi che sono
+ stati compilati su un kernel 0.9 (circa) e tuttora funzionano sulle versioni
+ 2.6 del kernel. Queste interfacce sono quelle che gli utenti e i
+ programmatori possono considerare stabili.
+
+Riepilogo generale
+------------------
+
+Pensate di volere un'interfaccia del kernel stabile, ma in realtà non la
+volete, e nemmeno sapete di non volerla. Quello che volete è un driver
+stabile che funzioni, e questo può essere ottenuto solo se il driver si trova
+nei sorgenti del kernel. Ci sono altri vantaggi nell'avere il proprio driver
+nei sorgenti del kernel, ognuno dei quali hanno reso Linux un sistema operativo
+robusto, stabile e maturo; questi sono anche i motivi per cui avete scelto
+Linux.
+
+Introduzione
+------------
+
+Solo le persone un po' strambe vorrebbero scrivere driver per il kernel con
+la costante preoccupazione per i cambiamenti alle interfacce interne. Per il
+resto del mondo, queste interfacce sono invisibili o non di particolare
+interesse.
+
+Innanzitutto, non tratterò **alcun** problema legale riguardante codice
+chiuso, nascosto, avvolto, blocchi binari, o qualsia altra cosa che descrive
+driver che non hanno i propri sorgenti rilasciati con licenza GPL. Per favore
+fate riferimento ad un avvocato per qualsiasi questione legale, io sono un
+programmatore e perciò qui vi parlerò soltanto delle questioni tecniche (non
+per essere superficiali sui problemi legali, sono veri e dovete esserne a
+conoscenza in ogni circostanza).
+
+Dunque, ci sono due tematiche principali: interfacce binarie del kernel e
+interfacce stabili nei sorgenti. Ognuna dipende dall'altra, ma discuteremo
+prima delle cose binarie per toglierle di mezzo.
+
+Interfaccia binaria del kernel
+------------------------------
+
+Supponiamo d'avere un'interfaccia stabile nei sorgenti del kernel, di
+conseguenza un'interfaccia binaria dovrebbe essere anche'essa stabile, giusto?
+Sbagliato. Prendete in considerazione i seguenti fatti che riguardano il
+kernel Linux:
+
+ - A seconda della versione del compilatore C che state utilizzando, diverse
+ strutture dati del kernel avranno un allineamento diverso, e possibilmente
+ un modo diverso di includere le funzioni (renderle inline oppure no).
+ L'organizzazione delle singole funzioni non è poi così importante, ma la
+ spaziatura (*padding*) nelle strutture dati, invece, lo è.
+
+ - In base alle opzioni che sono state selezionate per generare il kernel,
+ un certo numero di cose potrebbero succedere:
+
+ - strutture dati differenti potrebbero contenere campi differenti
+ - alcune funzioni potrebbero non essere implementate (per esempio,
+ alcuni *lock* spariscono se compilati su sistemi mono-processore)
+ - la memoria interna del kernel può essere allineata in differenti modi
+ a seconda delle opzioni di compilazione.
+
+ - Linux funziona su una vasta gamma di architetture di processore. Non esiste
+ alcuna possibilità che il binario di un driver per un'architettura funzioni
+ correttamente su un'altra.
+
+Alcuni di questi problemi possono essere risolti compilando il proprio modulo
+con la stessa identica configurazione del kernel, ed usando la stessa versione
+del compilatore usato per compilare il kernel. Questo è sufficiente se volete
+fornire un modulo per uno specifico rilascio su una specifica distribuzione
+Linux. Ma moltiplicate questa singola compilazione per il numero di
+distribuzioni Linux e il numero dei rilasci supportati da quest'ultime e vi
+troverete rapidamente in un incubo fatto di configurazioni e piattaforme
+hardware (differenti processori con differenti opzioni); dunque, anche per il
+singolo rilascio di un modulo, dovreste creare differenti versioni dello
+stesso.
+
+Fidatevi, se tenterete questa via, col tempo, diventerete pazzi; l'ho imparato
+a mie spese molto tempo fa...
+
+
+Interfaccia stabile nei sorgenti del kernel
+-------------------------------------------
+
+Se parlate con le persone che cercano di mantenere aggiornato un driver per
+Linux ma che non si trova nei sorgenti, allora per queste persone l'argomento
+sarà "ostico".
+
+Lo sviluppo del kernel Linux è continuo e viaggia ad un ritmo sostenuto, e non
+rallenta mai. Perciò, gli sviluppatori del kernel trovano bachi nelle
+interfacce attuali, o trovano modi migliori per fare le cose. Se le trovano,
+allora le correggeranno per migliorarle. In questo frangente, i nomi delle
+funzioni potrebbero cambiare, le strutture dati potrebbero diventare più grandi
+o più piccole, e gli argomenti delle funzioni potrebbero essere ripensati.
+Se questo dovesse succedere, nello stesso momento, tutte le istanze dove questa
+interfaccia viene utilizzata verranno corrette, garantendo che tutto continui
+a funzionare senza problemi.
+
+Portiamo ad esempio l'interfaccia interna per il sottosistema USB che ha subito
+tre ristrutturazioni nel corso della sua vita. Queste ristrutturazioni furono
+fatte per risolvere diversi problemi:
+
+ - È stato fatto un cambiamento da un flusso di dati sincrono ad uno
+ asincrono. Questo ha ridotto la complessità di molti driver e ha
+ aumentato la capacità di trasmissione di tutti i driver fino a raggiungere
+ quasi la velocità massima possibile.
+ - È stato fatto un cambiamento nell'allocazione dei pacchetti da parte del
+ sottosistema USB per conto dei driver, cosicché ora i driver devono fornire
+ più informazioni al sottosistema USB al fine di correggere un certo numero
+ di stalli.
+
+Questo è completamente l'opposto di quello che succede in alcuni sistemi
+operativi proprietari che hanno dovuto mantenere, nel tempo, il supporto alle
+vecchie interfacce USB. I nuovi sviluppatori potrebbero usare accidentalmente
+le vecchie interfacce e sviluppare codice nel modo sbagliato, portando, di
+conseguenza, all'instabilità del sistema.
+
+In entrambe gli scenari, gli sviluppatori hanno ritenuto che queste importanti
+modifiche erano necessarie, e quindi le hanno fatte con qualche sofferenza.
+Se Linux avesse assicurato di mantenere stabile l'interfaccia interna, si
+sarebbe dovuto procedere alla creazione di una nuova, e quelle vecchie, e
+mal funzionanti, avrebbero dovuto ricevere manutenzione, creando lavoro
+aggiuntivo per gli sviluppatori del sottosistema USB. Dato che gli
+sviluppatori devono dedicare il proprio tempo a questo genere di lavoro,
+chiedergli di dedicarne dell'altro, senza benefici, magari gratuitamente, non
+è contemplabile.
+
+Le problematiche relative alla sicurezza sono molto importanti per Linux.
+Quando viene trovato un problema di sicurezza viene corretto in breve tempo.
+A volte, per prevenire il problema di sicurezza, si sono dovute cambiare
+delle interfacce interne al kernel. Quando è successo, allo stesso tempo,
+tutti i driver che usavano quelle interfacce sono stati aggiornati, garantendo
+la correzione definitiva del problema senza doversi preoccupare di rivederlo
+per sbaglio in futuro. Se non si fossero cambiate le interfacce interne,
+sarebbe stato impossibile correggere il problema e garantire che non si sarebbe
+più ripetuto.
+
+Nel tempo le interfacce del kernel subiscono qualche ripulita. Se nessuno
+sta più usando un'interfaccia, allora questa verrà rimossa. Questo permette
+al kernel di rimanere il più piccolo possibile, e garantisce che tutte le
+potenziali interfacce sono state verificate nel limite del possibile (le
+interfacce inutilizzate sono impossibili da verificare).
+
+
+Cosa fare
+---------
+
+Dunque, se avete un driver per il kernel Linux che non si trova nei sorgenti
+principali del kernel, come sviluppatori, cosa dovreste fare? Rilasciare un
+file binario del driver per ogni versione del kernel e per ogni distribuzione,
+è un incubo; inoltre, tenere il passo con tutti i cambiamenti del kernel è un
+brutto lavoro.
+
+Semplicemente, fate sì che il vostro driver per il kernel venga incluso nei
+sorgenti principali (ricordatevi, stiamo parlando di driver rilasciati secondo
+la licenza GPL; se il vostro codice non ricade in questa categoria: buona
+fortuna, arrangiatevi, siete delle sanguisughe)
+
+Se il vostro driver è nei sorgenti del kernel e un'interfaccia cambia, il
+driver verrà corretto immediatamente dalla persona che l'ha modificata. Questo
+garantisce che sia sempre possibile compilare il driver, che funzioni, e tutto
+con un minimo sforzo da parte vostra.
+
+Avere il proprio driver nei sorgenti principali del kernel ha i seguenti
+vantaggi:
+
+ - La qualità del driver aumenterà e i costi di manutenzione (per lo
+ sviluppatore originale) diminuiranno.
+ - Altri sviluppatori aggiungeranno nuove funzionalità al vostro driver.
+ - Altri persone troveranno e correggeranno bachi nel vostro driver.
+ - Altri persone troveranno degli aggiustamenti da fare al vostro driver.
+ - Altri persone aggiorneranno il driver quando è richiesto da un cambiamento
+ di un'interfaccia.
+ - Il driver sarà automaticamente reso disponibile in tutte le distribuzioni
+ Linux senza dover chiedere a nessuna di queste di aggiungerlo.
+
+Dato che Linux supporta più dispositivi di qualsiasi altro sistema operativo,
+e che girano su molti più tipi di processori di qualsiasi altro sistema
+operativo; ciò dimostra che questo modello di sviluppo qualcosa di giusto,
+dopo tutto, lo fa :)
+
+
+
+------

- TODO ancora da tradurre
+Dei ringraziamenti vanno a Randy Dunlap, Andrew Morton, David Brownell,
+Hanna Linder, Robert Love, e Nishanth Aravamudan per la loro revisione
+e per i loro commenti sulle prime bozze di questo articolo.
diff --git a/Documentation/translations/it_IT/process/submit-checklist.rst b/Documentation/translations/it_IT/process/submit-checklist.rst
index b6b4dd94a660..70e65a7b3620 100644
--- a/Documentation/translations/it_IT/process/submit-checklist.rst
+++ b/Documentation/translations/it_IT/process/submit-checklist.rst
@@ -1,12 +1,131 @@
.. include:: ../disclaimer-ita.rst

:Original: :ref:`Documentation/process/submit-checklist.rst <submitchecklist>`
+:Translator: Federico Vaga <federico.vaga@vaga.pv.it>

.. _it_submitchecklist:

-Lista delle cose da fare per inviare una modifica al kernel Linux
-~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~
+Lista delle verifiche da fare prima di inviare una patch per il kernel Linux
+~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~

-.. warning::
+Qui troverete una lista di cose che uno sviluppatore dovrebbe fare per
+vedere le proprie patch accettate più rapidamente.

- TODO ancora da tradurre
+Tutti questi punti integrano la documentazione fornita riguardo alla
+sottomissione delle patch, in particolare
+:ref:`Documentation/translations/it_IT/process/submitting-patches.rst <it_submittingpatches>`.
+
+1) Se state usando delle funzionalità del kernel allora includete (#include)
+ i file che le dichiarano/definiscono. Non dipendente dal fatto che un file
+ d'intestazione include anche quelli usati da voi.
+
+2) Compilazione pulita:
+
+ a) con le opzioni ``CONFIG`` negli stati ``=y``, ``=m`` e ``=n``. Nessun
+ avviso/errore di ``gcc`` e nessun avviso/errore dal linker.
+
+ b) con ``allnoconfig``, ``allmodconfig``
+
+ c) quando si usa ``O=builddir``
+
+3) Compilare per diverse architetture di processore usando strumenti per
+ la cross-compilazione o altri.
+
+4) Una buona architettura per la verifica della cross-compilazione è la ppc64
+ perché tende ad usare ``unsigned long`` per le quantità a 64-bit.
+
+5) Controllate lo stile del codice della vostra patch secondo le direttive
+ scritte in :ref:`Documentation/translations/it_IT/process/coding-style.rst <it_codingstyle>`.
+ Prima dell'invio della patch, usate il verificatore di stile
+ (``script/checkpatch.pl``) per scovare le violazioni più semplici.
+ Dovreste essere in grado di giustificare tutte le violazioni rimanenti nella
+ vostra patch.
+
+6) Le opzioni ``CONFIG``, nuove o modificate, non scombussolano il menu
+ di configurazione e sono preimpostate come disabilitate a meno che non
+ soddisfino i criteri descritti in ``Documentation/kbuild/kconfig-language.txt``
+ alla punto "Voci di menu: valori predefiniti".
+
+7) Tutte le nuove opzioni ``Kconfig`` hanno un messaggio di aiuto.
+
+8) La patch è stata accuratamente revisionata rispetto alle più importanti
+ configurazioni ``Kconfig``. Questo è molto difficile da fare
+ correttamente - un buono lavoro di testa sarà utile.
+
+9) Verificare con sparse.
+
+10) Usare ``make checkstack`` e ``make namespacecheck`` e correggere tutti i
+ problemi rilevati.
+
+ .. note::
+
+ ``checkstack`` non evidenzia esplicitamente i problemi, ma una funzione
+ che usa più di 512 byte sullo stack è una buona candidata per una
+ correzione.
+
+11) Includete commenti :ref:`kernel-doc <kernel_doc>` per documentare API
+ globali del kernel. Usate ``make htmldocs`` o ``make pdfdocs`` per
+ verificare i commenti :ref:`kernel-doc <kernel_doc>` ed eventualmente
+ correggerli.
+
+12) La patch è stata verificata con le seguenti opzioni abilitate
+ contemporaneamente: ``CONFIG_PREEMPT``, ``CONFIG_DEBUG_PREEMPT``,
+ ``CONFIG_DEBUG_SLAB``, ``CONFIG_DEBUG_PAGEALLOC``, ``CONFIG_DEBUG_MUTEXES``,
+ ``CONFIG_DEBUG_SPINLOCK``, ``CONFIG_DEBUG_ATOMIC_SLEEP``,
+ ``CONFIG_PROVE_RCU`` e ``CONFIG_DEBUG_OBJECTS_RCU_HEAD``.
+
+13) La patch è stata compilata e verificata in esecuzione con, e senza,
+ le opzioni ``CONFIG_SMP`` e ``CONFIG_PREEMPT``.
+
+14) Se la patch ha effetti sull'IO dei dischi, eccetera: allora dev'essere
+ verificata con, e senza, l'opzione ``CONFIG_LBDAF``.
+
+15) Tutti i percorsi del codice sono stati verificati con tutte le funzionalità
+ di lockdep abilitate.
+
+16) Tutti i nuovi elementi in ``/proc`` sono documentati in ``Documentation/``.
+
+17) Tutti i nuovi parametri d'avvio del kernel sono documentati in
+ ``Documentation/admin-guide/kernel-parameters.rst``.
+
+18) Tutti i nuovi parametri dei moduli sono documentati con ``MODULE_PARM_DESC()``.
+
+19) Tutte le nuove interfacce verso lo spazio utente sono documentate in
+ ``Documentation/ABI/``. Leggete ``Documentation/ABI/README`` per maggiori
+ informazioni. Le patch che modificano le interfacce utente dovrebbero
+ essere inviate in copia anche a linux-api@vger.kernel.org.
+
+20) Verifica che il kernel passi con successo ``make headers_check``
+
+21) La patch è stata verificata con l'iniezione di fallimenti in slab e
+ nell'allocazione di pagine. Vedere ``Documentation/fault-injection/``.
+
+ Se il nuovo codice è corposo, potrebbe essere opportuno aggiungere
+ l'iniezione di fallimenti specifici per il sottosistema.
+
+22) Il nuovo codice è stato compilato con ``gcc -W`` (usate
+ ``make EXTRA_CFLAGS=-W``). Questo genererà molti avvisi, ma è ottimo
+ per scovare bachi come "warning: comparison between signed and unsigned".
+
+23) La patch è stata verificata dopo essere stata inclusa nella serie di patch
+ -mm; questo al fine di assicurarsi che continui a funzionare assieme a
+ tutte le altre patch in coda e i vari cambiamenti nei sottosistemi VM, VFS
+ e altri.
+
+24) Tutte le barriere di sincronizzazione {per esempio, ``barrier()``,
+ ``rmb()``, ``wmb()``} devono essere accompagnate da un commento nei
+ sorgenti che ne spieghi la logica: cosa fanno e perché.
+
+25) Se la patch aggiunge nuove chiamate ioctl, allora aggiornate
+ ``Documentation/ioctl/ioctl-number.txt``.
+
+26) Se il codice che avete modificato dipende o usa una qualsiasi interfaccia o
+ funzionalità del kernel che è associata a uno dei seguenti simboli
+ ``Kconfig``, allora verificate che il kernel compili con diverse
+ configurazioni dove i simboli sono disabilitati e/o ``=m`` (se c'è la
+ possibilità) [non tutti contemporaneamente, solo diverse combinazioni
+ casuali]:
+
+ ``CONFIG_SMP``, ``CONFIG_SYSFS``, ``CONFIG_PROC_FS``, ``CONFIG_INPUT``,
+ ``CONFIG_PCI``, ``CONFIG_BLOCK``, ``CONFIG_PM``, ``CONFIG_MAGIC_SYSRQ``,
+ ``CONFIG_NET``, ``CONFIG_INET=n`` (ma l'ultimo con ``CONFIG_NET=y``).
diff --git a/Documentation/translations/it_IT/process/submitting-drivers.rst b/Documentation/translations/it_IT/process/submitting-drivers.rst
index 16df950ef808..dadd77e47613 100644
--- a/Documentation/translations/it_IT/process/submitting-drivers.rst
+++ b/Documentation/translations/it_IT/process/submitting-drivers.rst
@@ -1,12 +1,16 @@
.. include:: ../disclaimer-ita.rst

:Original: :ref:`Documentation/process/submitting-drivers.rst <submittingdrivers>`
+:Translator: Federico Vaga <federico.vaga@vaga.pv.it>

.. _it_submittingdrivers:

Sottomettere driver per il kernel Linux
=======================================

-.. warning::
+.. note::

- TODO ancora da tradurre
+ Questo documento è vecchio e negli ultimi anni non è stato più aggiornato;
+ dovrebbe essere aggiornato, o forse meglio, rimosso. La maggior parte di
+ quello che viene detto qui può essere trovato anche negli altri documenti
+ dedicati allo sviluppo. Per questo motivo il documento non verrà tradotto.
--
2.20.1
\
 
 \ /
  Last update: 2019-01-21 22:21    [W:0.077 / U:6.332 seconds]
©2003-2018 Jasper Spaans|hosted at Digital Ocean and TransIP|Read the blog|Advertise on this site